Come creare video promozionali professionali e di impatto 

Non ti va di leggere? Ascolta l’articolo sul nostro podcast

Non si può  neanche immaginare quanto possa influire un video promozionale nella narrazione di un brand o su come certe sequenze visive possano non solo catturare l’attenzione ma ancorarla, trasformando un semplice spettatore nel vostro migliore brand ambassador! E sì, perché un video promozionale non è semplicemente un “aggregato di immagini in movimento”, semmai diviene veicolo di valori, un tramite per la storia del marchio.

Creare video professionali, che siano accattivanti e funzionali, richiede indubbiamente delle competenze tecniche in comunicazione fino allo studio della psicologia del consumatore, senza tralasciare l’aspetto creativo e l’estetica del video. Ecco alcuni consigli utili per creare video promozionali professionali, efficaci, che vi permetteranno di arrivare direttamente al vostro pubblico.

Se vi siete mai chiesti come creare video promozionali d’impatto, non vi resta allora che ascoltare, leggere e guardare come portiamo le idee fuori dal circuito.

Un buona illuminazione è fondamentale


Come la fotografia nelle pellicole cinematografiche, l’illuminazione, nei video professionali, è un elemento fondamentale: usate molta luce, soprattutto quella naturale, sfruttando le prime ore del mattino o della sera, quando le sfumature sono più morbide. La luce a mezzogiorno è diretta e può provol’illuminazionefoodcare ombre dure sui soggetti, al contrario, la luce all’alba o al tramonto sono più soffuse e delicate, più gradevoli.  Tip: se dovete filmare in pieno giorno, è meglio scegliere una giornata nuvolosa, o ancora meglio valutare un’esposizione all’ombra, così avrete una luce molto più morbida e piacevole.
Se filmate negli interni, sarà ancora più importante scegliere la fonte di luce migliore: ricordatevi sempre che l’utilizzo di molte ombre produce un effetto drammatico. In questo caso si consiglia di prevedere un buon set luci, accompagnato da accessori come softbox per ottenere luci morbide, o diverse gelatine per avere colori di contrasto o per ottenere particolari effetti luminosi. Un video ben illuminato fa la differenza in mezzo a tanti contenuti “amatoriali”.


Utilizzare uno sfondo pulito


Un altro consiglio per dare un forte impatto comunicativo è quello di scegliere un fondale, che sia neutro, bianco e pulito, colorato, a fantasia, l’importante è che possa suscitare delle emozioni coerenti con il soggetto o l’oggetto che stiamo riprendendo


Suoni chiari e cristallini


Per agevolare la comprensione del nostro video, è bene che anche la componente audio sia equilibrata e priva di rumori e disturbi.
Se è previsto un parlato, si può predisporre l’ambiente registrando in un ambiente silenzioso e con la giusta attrezzatura. Uno strumento su cui investire, quando si realizzano video professionali di qualità, è un buon microfono.Successivamente,  si può elaborare l’audio applicando dei filtri sonori alla registrazione, in grado di cancellare il rumore (di fondo, per l’appunto), migliorando così la godibilità dell’audio.
Inoltre, una bella colonna sonora portante può fare al caso nostro, un arredo musicale che “aggiunge e non toglie” alla narrazione.


Studiate la vostra presenza sul video


Quanti di voi non ricordano almeno un video promozionale nel quale l’imprenditore o i suoi collaboratori “ci mettevano la faccia” per raccontare di un prodotto o del servizio promosso?
Ecco un altro tip: presentarsi in prima persona in un video promozionale professionale è la prima regola per catturare l’attenzione dello spettatore. In questo modo la vostra azienda o il vostro brand acquisteranno credibilità, e il pubblico potrà immedesimarsi molto meglio nel vostro racconto personale e instaurare con voi un vero e proprio patto di fiducia. Quando sarete di fronte ad una camera, cercate di mantenere un atteggiamento calmo e aperto. Siate sciolti, fate alcuni respiri profondi e soprattutto non incrociate mai le braccia, poiché questa postura produce una sensazione di chiusura. E se doveste essere nervosi? Beh, avvaletevi di oggetti di scena, come ad esempio una lavagna su cui scriverete i punti cardine dell’argomento! E poi parlate in maniera scorrevole, enunciando le parole in modo chiaro. Ricordatevi sempre che l’attitudine davanti al video si migliora con il tempo e con l’esercizio.


Distribuzione del video promozionale


Anche se ormai siamo quasi alla fine, ecco un ultimo consiglio: pensate a chi è rivolto il vostro video e individuate il mezzo più efficace per la sua promozione, che si tratti di una programmazione sui canali tv o che sia visto nelle varie piattaforme web . È certamente indubbio il fascino esercitato dalla cara “vecchia” televisione, cosa che, tradotta, significa grande impatto su un target molto ampio.
Ma anche il web offre un palcoscenico di tutto rispetto con canali quali YouTube, Instagram, TikTok e Facebook, è una immensa opportunità per una distribuzione mirata e interattiva dei contenuti.
Tenete presente, però, che ogni canale, che sia televisivo o web, ha una sua metrica, specifiche caratteristiche e dinamiche dedicate. Per questo i messaggi non possono essere mai univoci, ma declinati, ovvero personalizzati, per meglio adattarsi e rispondere efficacemente all’obiettivo di comunicazione desiderato. Affidarsi ad una casa di produzione video qualificata è, come sempre, la scelta migliore da fare per non farsi trovare impreparati e soprattutto risultare amatoriali!

Questo articolo è stato realizzato grazie agli incentivi TOCC “Transizione ecologica organismi culturali e creativi” promosso dal Ministero della Cultura e gestito da Invitalia, grazie ai fondi dell’unione europea NextgenerationUe.

*Il podcast KortoTalks è stato realizzato grazie alla partnership con Milk Studios, con Davide di Pasquale di Associazione Uniamoci onlus, grazie a Marco Bongi dell’Associazione pro retinopatici e ipovedenti, grazie a Dario Sorgato dell’associazione NoysyVision Onlus.

Altri articoli dal Blog di Kortocircuito

Video marketing: come fare marketing con i video professionali
Video marketing: come fare marketing con i video professionali
Il ruolo del produttore cinematografico: chi è e cosa fa?
Il ruolo del produttore cinematografico: chi è e cosa fa?
Attrezzature cinematografiche: un arsenale dietro le quinte
Attrezzature cinematografiche: un arsenale dietro le quinte