Emozioni: quella comunicazione che arriva dritta al cuore 

SCOPRI PERCHÈ È IMPORTANTE REALIZZARE VIDEO EMOZIONALI

realizzazione video emozionali

C’era una volta una azienda che, per farsi conoscere ed apprezzare dai propri Clienti, doveva parlare dei prodotti e servizi trattati…. ma oggi questo luogo comune è fortemente superato. 

Se è vero che, in alcuni casi e per alcuni settori, la comunicazione diretta, fatta magari attraverso  video tutorial o guide esplicative può servire per l’utilizzo di taluni prodotti, di contro però la tendenza attuale del video marketing si è evoluta verso la produzione di video aziendali più emozionali. Sì, parliamo ancora di servizi e prodotti, ma in maniera diversa, e attraverso soprattutto la storia, i valori e i sogni che un’azienda ha ed esprime anche attraverso prodotti e servizi. Il trait d’union e denominatore comune sono sicuramente le emozioni.


Perché le aziende devono fare video aziendali emozionali


A cambiare sono stati soprattutto i consumatori, oggi sempre più digital touchpoint, sensibili alle informazioni, inclini alle recensioni e rapidissimi nel cambiare fonte informativa, giusto il tempo di un clic.

Per questo serve trovare dei ganci emozionali e puntare su: divertimento, commozione, curiosità, nostalgia, motivazione. Parliamo non solo di elementi empatici che facciano scaturire un legame momentaneo o un compiacimento emotivo passeggero, ma di vera e propria immedesimazione duratura con un brand. La produzione dei video aziendali emozionali contribuisce alla brand building e all’immagine che un’azienda riesce ad esternare e tramite la quale farsi riconoscere e preferire.  

È chiaro che caratteristiche tecniche o prezzi di prodotti e servizi sono un’altra cosa e diventano un dettaglio di contorno. Come potrebbero, per esempio, le case di moda  vendere le proprie creazioni a prezzi esorbitanti, se non grazie ad una comunicazione capace di spingere concetti di status symbol e simili? La comunicazione tra azienda e propri “followers” passa attraverso una relazione che non può stabilirsi più solo in virtù di un prezzo o di una caratteristica dei prodotti stessi.

Cosa accadrebbe se note aziende del settore alimentare parlassero “semplicemente di ingredienti o di materie prime”? Ma non solo le aziende del settore alimentare.
Questa “rivoluzione emozionale” coinvolge praticamente tutti i settori, compresi quelli più restii, o apparentemente più lontani, a parlare di emozioni.

Oggi nella produzione video aziendali le aziende non devono trasmettere fatti, ma creare ponti di connessione tra sé e gli spettatori attraverso una narrazione delle emozioni.


La relazione di fiducia attraverso lo storytelling aziendale


La capacità di raccontare un’emozione attraverso i video aziendali permette l’instaurarsi di una qualità superiore di relazione tra l’azienda e i suoi pubblici di riferimento.
Il fare provare e sperimentare emozioni crea una “familiarità condivisa del sentimento” che, giorno dopo giorno, fa nascere un patto di fiducia tra il pubblico (clienti anche) e azienda, con i suoi relativi valori e persino prodotti e servizi, tramite i quali è possibile raggiungere una intima condivisione di ideali.
La comunicazione pubblicitaria posa proprio su questo assioma.

Alla stessa maniera scegliere di realizzare video aziendali professionali parlando di emozioni permette: ai potenziali o già clienti di “sentirsi parte di un tutto” (sentimenti e valori) dell’Azienda, ma allo stesso tempo “questo stesso tutto” (valori, aspettative e traguardi) viene condiviso anche dal personale dell’Azienda stessa, che ha saputo toccare le giuste leve del cuore. Lo storytelling attraverso la comunicazione visiva ed emozionale dei video aziendali riesce a fare emergere l’aspetto umano di un brand, a narrativizzare emozioni, a creare connessioni personali e di fiducia e quindi relazioni durature, incoraggiando la presenza di più clienti fidelizzati e lavoratori felici a lungo termine.


Video aziendali per promuovere le Aziende


Il video aziendale quando è anche emozionale racconta una storia e non l’elenco delle caratteristiche di un prodotto, anzi, a volte il prodotto proprio non c’è, ma i veri protagonisti sono i valori o la storia del brand, la passione che c’è dietro un marchio e il forte potere evocativo delle emozioni sottese al racconto.
L’obiettivo è quello di far emergere le qualità del brand, facendo emozionare il pubblico attraverso una storia in cui riconoscersi e da condividere.
La scelta del format video è essenziale per via del forte engagement e dei tassi di conversione che i video riescono a raggiungere. 

I video per aziende, soprattutto se emozionali, lasciano tra l’altro un ricordo più profondo, e continuano a lavorare a livello emozionale anche a distanza di tempo. Il loro effetto si nota poi nella nostra quotidianità, quando ad esempio la scelta di un marchio, magari di fronte allo scaffale di un supermercato, dipende dall’aver sposato un valore piuttosto che un altro.


In conclusione


Chiaramente non si deve pensare che basti un solo video aziendale a raggiungere tutti gli obiettivi fin qui detti, ma è fondamentale fare una vera e propria pianificazione strategica dal content marketing, allo storytelling fino allo storyboard, da tradursi poi in immagini in movimento, luci e suoni, o detto in sintesi, con con una sola parola, in emozioni. 
E tutto questo va fatto in pochissimi minuti, se non addirittura in secondi.

Ma per raggiungere questi obiettivi, e inoltre per far emergere un brand in un mare magnum di altri video aziendali dei competitor, non è un’attività del tutto semplice: sono necessari grande creatività ed elevata maestria, capacità tecniche e un occhio visivo che guarda attraverso i colori del cuore.

Altri articoli dal Blog di Kortocircuito

Fear Appeal: strategie di psicomarketing negli spot
Fear Appeal: strategie di psicomarketing negli spot
Spot pubblicitari e animali: ecco perché funzionano tanto
Spot pubblicitari e animali: ecco perché funzionano tanto
Quando il non detto dice moltissimo: il non verbale nello spot pubblicitario
Quando il non detto dice moltissimo: il non verbale nello spot pubblicitario