Navigando la trasformazione digitale: la rivoluzionaria case history di Switcho

SCOPRI SWITCHO UNO DEI NOSTRI SPOT TV

realizzazione-video-pubblicita-switcho-milano

In un mercato sempre più saturo e competitivo, la differenziazione è la chiave del successo. E in questo panorama, Switcho ha cambiato le regole del gioco. Questa innovativa startup ha saputo unire tecnologia e servizi, proponendo al consumatore finale un approccio rivoluzionario, per gestire le proprie utenze domestiche, dal gas all’energia elettrica, passando per la connessione internet, il telefono mobile e persino le assicurazioni. La sua arma vincente? Un’app intuitiva che, con un semplice clic, analizza la tua situazione attuale e propone un cambio di fornitore solo se risulta effettivamente più vantaggioso per te. Il tutto in maniera assolutamente gratuita e includendo anche la gestione di tutte le pratiche burocratiche.


Gestire le utenze con l’ironia di un sorriso: gli spot di Switcho


Ma come poter comunicare in maniera efficace l’unicità di questa proposta? Switcho si è affidato a noi di Kortocircuito e si è deciso di puntare su quattro spot web, ognuno dei quali presenta una situazione divertente ed ironica di problemi e frustrazioni legati alla gestione delle utenze domestiche e delle assicurazioni auto. Con lo sfondo di un contesto politico ed energetico delicato, in cui molti cercano strategie per risparmiare sulla bolletta, abbiamo deciso di far affrontare con leggerezza questi temi che affliggono una larga fetta di popolazione. Le trovate inventive dei protagonisti suggeriscono che la soluzione più semplice ed efficiente è proprio quella di affidarsi all’app di Switcho.


La semiotica nella genesi di un’idea disruptiva


La capacità di narrare storie complesse in modo semplice ma efficace, è stata raggiunta in maniera evidente in ogni spot, dove viene fatto uso di tecniche visive e narrative come metafore, ironia e umorismo, figure retoriche in grado di creare una serie di segni e simboli che raccontano la storia del brand Switcho.
Questi segni sono stati poi resi molto accessibili, attraverso un uso  bilanciato tra umorismo e innovazione, semplificazione della complessità e estensione della realtà, e hanno permesso di essere decodificati dal pubblico, creando un’interazione significativa tra il messaggio del brand e l’esperienza dell’utente, catturando l’attenzione e rendendo il messaggio di Switcho immediatamente comprensibile. Un altro elemento narrativo che ha agevolato la coerenza visiva attraverso la serie di spot è stato l’uso di un cast costante, la ripetizione di temi e simboli, un tono di voce coerente, la scelta della voiceover come “Deus ex Machina”. Tutti elementi che lavorando in equilibrio e sinergia hanno contribuito a creare un’identità di marca forte e facilmente riconoscibile, essenziale per instillare fiducia nel pubblico e costruire un’immagine positiva e duratura.


Concetto e sviluppo degli spot per un trionfo dell’ironia


Il concept degli spot nasce da una domanda: cosa siamo disposti a fare per risparmiare tempo e denaro? Questo interrogativo guida le azioni dei due protagonisti ripresi in contesti di vita, tracciati in ben 4 spot dove si affrontano problemi molto comuni nella gestione dei risparmi. Due amici di carattere totalmente diverso, “il furbo” e “il buffo”, stereotipi di due approcci diversi alla vita, si ritrovano ad adottare soluzioni eccentriche ed inusuali per risparmiare. Questi tentativi, seppur bizzarri, risultano velleitari e poco produttivi. È solo grazie alla scoperta di Switcho che la vita di questi due protagonisti si semplifica, svelando il vero potenziale dell’innovazione.

Entrando nel cuore delle narrazioni, tutti i quattro spot presentano scenari assolutamente unici, dove la gestione dei problemi comuni dell’utente medio è la geniale soluzione offerta da Switcho.


Primo spot – La cyclette 


Qui il “personaggio furbo” è intento a leggere un libro sotto la luce tremolante di una lampada alimentata dall’altro che capiamo il coinquilino, “il buffo”, che pedala a più non posso su una cyclette, collegata ad una dinamo casalinga. L’umorismo scaturisce dalla tensione tra l’immagine surreale del coinquilino in tenuta da ciclista e l’assurdità della soluzione adottata per risparmiare energia ed illuminare la casa. Così la cyclette “alimentata” dal coinquilino diventa un simbolo dell’effort necessario per risparmiare energia, mentre la soluzione arriva attraverso una Voiceover che recita: “Vuoi risparmiare senza pedalare? scarica Switcho!

Secondo spot – La bolletta incomprensibile


La seconda scena presenta i nostri protagonisti (sempre loro: il furbo e il buffo) davanti ad una bolletta, confrontandosi con essa come se fosse un’opera d’arte astratta in un museo.
La complessità della bolletta viene infatti ironicamente paragonata all’enigmaticità di un’opera d’arte contemporanea, sottolineando il bisogno di una soluzione più accessibile e comprensibile. Il senso di confusione e di smarrimento di fronte ad alcune espressioni artistiche moderne diventa ironica metafora dell’esperienza vissuta da tanti utenti di fronte alle proprie “indecifrabili bollette”. Anche in questo secondo spot l’intervento ironico della Voiceover presenta la soluzione: “Bolletta incomprensibile? scarica Switcho!

Terzo spot – Tempo Che Scorre


Il terzo spot mostra “il personaggio buffo” immerso nella burocrazia, sfinito, intento a gestire una montagna di bollette e documenti per le volture, mentre l’altro, il furbo, si gode la vita. Il tempo che passa viene scandito da una serie di azioni compiute dal secondo e che seguono l’andare del tempo anche attraverso il tempo di un trasloco (completato) e dell’alternarsi delle stagioni, mentre il primo personaggio è sempre fermo lì, dietro alla burocrazia della voltura delle utenze! Alla fine la Voiceover, ancora una volta, svela la soluzione “a portata di clic” con quel: “la burocrazia del cambio casa non finisce mai? scarica Switcho!” che mette tutti e due “felici e d’accordo”, illustrando l’enorme quantità di tempo che può essere risparmiato grazie all’app di Switcho.


Quarto spot – Il bodyguard 


L’ultimo spot ci mostra il protagonista “buffo ed eccentrico” che si atteggia da bodyguard intorno all’auto, e lo vediamo intento ad eseguire mosse comiche di karate, in un tentativo ridicolo di proteggere l’auto da ipotetici nemici. Il risvolto comico, che prende le sembianze di un piccolo cagnolino a spasso col suo padrone in pigiama e ciabatte, è sufficiente a creare un climax comico, surreale, all’interno di una situazione che sottolinea l’eccessiva preoccupazione generata da una cattiva gestione delle assicurazioni.
Trait d’union di tutti e 4 gli spot torna la Voiceover : “La tua assicurazione ti manda in paranoia? scarica Switcho!


La diffusione virale dalla rete alla televisione


Il successo degli spot web di Switcho ha superato ogni aspettativa, generando una risposta talmente entusiasta che ha spinto la startup a trasformarli in spot televisivi.
Questa transizione è stata possibile grazie a una gestione meticolosa e un’organizzazione impeccabile del processo di produzione.
Le riprese, la gestione della troupe e la post-produzione sono stati condotti con una precisione da orologiaio, ottenendo così quattro spot distinti in un solo giorno di lavoro.
Questa esplosione di creatività, abbinata a un’impeccabile esecuzione, ha permesso a Switcho di raggiungere un pubblico vasto ed eterogeneo, tanto da conquistare l‘attenzione delle televisioni nazionali.

Il trionfo nel settore pubblicitario


Gli spot di Switcho non solo hanno riscosso un enorme successo tra il pubblico, ma in maniera particolare lo spot “Bolletta incomprensibile?” ha generato il favore di una giuria tecnica che, all’interno del contesto di Mediastars, l’organizzazione più rappresentativa del settore della pubblicità, ha riconosciuto a Kortocircuito il prestigioso riconoscimento “Copy Strategy Media Stars” al genio creativo dietro la campagna pubblicitaria di Switcho.

Altri articoli dal Blog di Kortocircuito

Realizzazione di video shooting a Milano: tecniche e consigli
Realizzazione di video shooting a Milano: tecniche e consigli
Motion Control: l’high speed di Bolt e Phantom, il cinebot che vince sull’uomo
Motion Control: l’high speed di Bolt e Phantom, il cinebot che vince sull’uomo
Tecniche di post-produzione per spot pubblicitari a Milano
Tecniche di post-produzione per spot pubblicitari a Milano