Perché i video virali piacciono tanto

SCOPRI LE CARATTERISTICHE DEI VIDEO VIRALI

Diciamo la verità, a chi non piacerebbe diventare famos* , magari proprio come i più grandi YouTuber che con i video attirano milioni e milioni di visualizzazioni? Sicuramente non tutti diventano video virali.

Affinché infatti possa accadere che un video sia virale è necessario che questo sia in grado di lanciare una vera e propria tendenza; creare intere comunità partecipative attorno al tema e poi ci vuole un terzo elemento “magico”, se vogliamo, ovvero l’imprevedibile!

Ma se ti chiedi quanto un video virale possa far bene al tuo business, la risposta è moltissimo! E adesso capiamo perché!


Cosa si intende per video virale


Un video diventa virale sul web, quando riceve milioni di visualizzazioni e, soprattutto, condivisioni da parte degli utenti, diffondendosi sul web, “proprio come si diffonde un virus”, per raggiungere moltissimi utenti e per di più in pochissimi giorni o addirittura minuti. E da qui anche la terminologia utilizzata per “video virale”!

La condivisione è di per sé facilissima: tramite le piattaforme, ad oggi sempre più “a portata” di tutti i target, basta davvero un semplice ed istantaneo clic per innescare una valanga di interazioni con i video

In pochi secondi qualsiasi contenuto può fare il giro del Mondo, ricevendo apprezzamento da milioni di utenti che possono continuare “a valanga” il fenomeno di condivisione online

YouTube è la testimonianza più forte e diretta di questo. Ma non solo. Anche sui Social Network, infatti, si è aperta una strada assolutamente dedicata, facendo sì che alcuni canali trovassero la propria celebrità grazie proprio alla “natura virale” di certi video. Basti pensare a social come TikTok, sempre più meno “fenomeno da teenager” e più strumento di business evoluto, in quanto lavorano sulla visibilità del brand.



Quali sono le caratteristiche di un video virale?


Anche se (è vero) anche un video registrato con un semplicissimo smartphone può diventare virale, è comunque necessario fare una premessa. I video virali non sono per niente “improvvisati”, anzi sono frutto di un attento studio a monete e di una loro produzione assolutamente precisa e meticolosa. 

Parte del successo della loro “viralità” può dipendere anche dalle attrezzature professionali utilizzate e da “un occhio strategico”, in grado di realizzare mini storie realmente appassionanti, capaci di toccare leve ben precise che li rendano “fenomeni” da voler condividere. 


I topic di tendenza


Uno degli aspetti che riesce a rendere “virale” il video è la possibilità (furba in certi contesti) di “cavalcare l’onda” di un topic di tendenza. Il fatto che di “qualcosa se ne parli” e con grande cassa di risonanza, fa sì che il video possa “navigare” questo mare spinto da correnti che lo fanno andare più veloce.
Al di là della metafora, chiaramente lo sforzo massimo, in questo caso, è la scelta oculata dei canali per la sua distribuzione e condivisione


La viralità sta nel parlare una stessa lingua


Quando si realizza un video si commette spesso un errore strategico: non considerare fino in fondo il target! Chi è questo target? Dove si trova? Cosa piace al target? Quali sono le emozioni che appassionano il target?

Tutte queste sono domande fondamentali e punti di partenza per poter organizzare una base “potenzialmente virale” di un video.


Parola alle emozioni per realizzare video virali


I video sono piccole brevi storie che però devono sapere sapientemente trasmettere emozioni, per fare in modo che ci si possa immedesimare e sperimentare magari le medesime emozioni.

Le emozioni narrate, infatti, aumentano lo stato di attenzione e concentrazione; creano un collante con l’osservatore in virtù del proprio contenuto e suscitano, per questo, “la predisposizione a condividere” il contenuto.
Se un contenuto emoziona, molto probabilmente instaurerà un bisogno di condivisione con i propri amici e contatti, così da trasferire anche ad essi la propria esperienza di una determinata e specifica emozione.


Come rendere un video virale


Partiamo da un presupposto, ovvero che un video per diventare virale deve possibilmente raccontare una storia vera, fatta di sentimenti che tutti possono sperimentare o hanno già provato. Anche la narrativa utilizzata dalla cifra stilistica della casa di produzione può fare la differenza sostanziale.
Un video “troppo artefatto”, infatti, ha l’effetto di non consentire identificazione piena con il contenuto narrato, perché può trasmettere l’idea di qualcosa di “creato ad arte”. Quindi anche troppo distante da situazioni ordinarie. Proprio per questo i video amatoriali sono spesso i più apprezzati.  Attenzione, però, “amatoriale” non vuol dire affatto “casuale e affidato a mezzi di fortuna”. Dietro ad un video di successo, c’è sempre un progetto creativo, una mano strategica che dirige la sua realizzazione e produzione. Questo permette sicuramente maggiore facilità all’apprezzamento del contenuto e condivisione, quindi, del video. quelli che più facilmente vengono apprezzati e condivisi. 


Un altro aspetto è la durata. I video virali spesso durano meno di un minuto, e questo è un tempo ragionevolmente sostenibile per una attenzione all’interno dei canali social, ad esempio, dove i passaggi da un post a un video sono davvero repentini. Bastano appena 7 secondi per decidere se continuare a vedere o meno un contenuto video, quando si è online.  Avere un video che possa catturare l’attenzione e suscitare emozioni sin dai primissimi secondi è una leva importantissima per la viralità del contenuto. 

Spesso la chiave di riuscita migliore è la semplicità descritta però in maniera originale. Non è necessario dover “abusare in maniera forzata” su alcuni aspetti. Gli eccessi non conducono mai ai risultati sperati. 

Raccontare una storia semplice (non banale) alla portata di molti e utilizzare soggetti in cui possa essere facile identificarsi sono elementi importanti in ogni strategia che voglia essere virale.


Affidarsi ad un’agenzia in grado di realizzare e produrre video virali è comunque il consiglio migliore per rendere efficace la strategia di visibilità su cui intendi puntare.

Grazie ad una agenzia di video virali, i tuoi contenuti saranno ben strutturati e distribuiti nei migliori canali e riusciranno a raggiungere velocemente i tuoi target fino a diventare realmente oggetto di condivisioni e ricondivisioni, perchè di quel video se ne possa parlare in tanti e per tanto tempo!

Altri articoli dal Blog di Kortocircuito

L’importanza di una voce: il doppiaggio negli spot pubblicitari
L’importanza di una voce: il doppiaggio negli spot pubblicitari
Post produzione video cos’è e come farla
Post produzione video cos’è e come farla
Quanto costa uno spot pubblicitario in TV
Quanto costa uno spot pubblicitario in TV