Video social:
il futuro è in movimento

SCOPRI PERCHÈ È IMPORTANTE CREARE VIDEO INTERESSANTI PER ATTIRARE L’ATTENZIONE

Il mondo dei social media è in costante evoluzione: mese dopo mese vengono presentate sempre nuove features, in particolar modo tantissime novità riguardo la categoria dei video social. Questo perché sempre più utenti preferiscono guardare un video piuttosto che leggere un testo. Nel mondo dello “scrolling compulsivo”, però, anche saper produrre dei contenuti video per i social è una sfida: basta un semplice movimento col dito e il video scompare. Allora, qual è il segreto per attrarre gli utenti? Qual è la formula per il video perfetto? In realtà, non siamo alchimisti, maghi, streghe o stregoni e non sappiamo se ci sia o meno una formula magica per produrre il video perfetto, ma possiamo sicuramente rivelarvi qualche piccolo segreto riguardante la produzione dei video social.


Quanto sono importanti i contenuti video oggi?


Come accennavamo precedentemente, oramai gli utenti dei social media sono più attratti da un contenuto visivo – che sia video, motion graphic o foto – anziché un testo scritto. Di conseguenza, per le aziende investire nella creazione di contenuti video social potrebbe essere la chiave di volta, specialmente rispetto ad un competitor. Un video ben strutturato e studiato attirerà l’attenzione del cliente e non solo.Come dicevamo all’inizio, il mondo dei social media continua a migliorarsi e a proporre sempre novità.

Ad esempio, sembrerebbe che Instagram abbia in programma per il futuro di “somigliare” sempre di più al collega cinese Tik Tok. Di cosa si tratta? Ebbene, Mark Zuckerberg, ad inizio giugno, ha annunciato che il feed di Instagram punterà verso una soluzione “full screen” come il competitor Tik Tok. Di conseguenza, per il futuro, sarà importantissimo per un’azienda puntare sulla realizzazione di materiale video.


Perché è fondamentale produrre contenuti rilevanti


Fare video tanto per farli può essere controproducente. Ormai il consumatore, il pubblico, l’utente, chiamatelo come preferite, è consapevole ed esigente e, soprattutto, non si fa facilmente abbindolare da contenuti di scarsa qualità o che non comunicano nulla.

Creare video per i social non significa mettere insieme due o tre clip a caso, dietro c’è studio e programmazione: è importante valutare ed analizzare gli interessi del target audience di riferimento, ricercare e sfruttare i trend del momento che si allineano a ciò si vuole comunicare attraverso il video e, infine, sviluppare il concept finale.Non esiste un format video universale che si adatti a qualsiasi tipo di comunicazione: se un brand vuole presentare un nuovo servizio o un nuovo prodotto, puntando a stimolare l’interesse dell’utente e fortificare la brand awareness, allora il contenuto video ideale sarà un video teaser. Se la parola chiave è emozione, allora un video storytelling è la scelta più idonea: basterà produrre un contenuto che metterà sotto i riflettori i valori dell’azienda, al fine di instaurare un legame di fiducia tra brand e cliente, che sia già fidelizzato o meno.

Contenuti brevi, ma interessanti


Com’è che si dice? Il troppo stroppia – o per chi preferisce una versione più internazionale “Less is more” – e anche quando si vanno a creare dei video per i social è importante essere brevi o, quantomeno, valutare il giusto minutaggio. Si, perché bisogna tenere a mente che l’utente ha lo “scroll” facile: se il contenuto è troppo lungo e non attira subito l’attenzione, allora si passerà subito avanti. Il segreto è rimanere sempre su un minutaggio di massimo due minuti e avere un contenuto accattivante.


Video Social per “educare” il cliente e non solo


I primi tempi in cui i social media si destreggiavano tra la curiosità e la diffidenza dell’opinione pubblica, probabilmente in pochi pensavano che oggi sarebbero stati una carta vincente per la diffusione di informazioni e news. Oggi un video di breve durata, dove magari viene inserito un poco di testo, attira di più il pubblico: la chiave per fare una corretta informazione sta anche nell’intrattenere il pubblico, producendo contenuti semplici e che trasmettono subito il messaggio.

Anche aziende e brand possono utilizzare dei video per “educare la propria audience, ma in che modo?
Può essere utile utilizzare questo contenuto digitale per insegnare ai propri utenti come utilizzare un determinato prodotto del brand o un servizio, creando un video guida (o video tutorial), che va oltre il semplice advertising e dà informazioni effettivamente utili al cliente.


Il potere della condivisione


La forza di un video interessante e che attira l’attenzione del pubblico si trasforma quasi sicuramente in condivisione. Quante volte abbiamo inviato ad amici un video che ci ha colpiti tramite un messaggio tramite un’app di messaggistica istantanea? Oppure condiviso un video sulle stories di Instagram, per raggiungere un pubblico più ampio? Per le aziende, è importantissima la condivisione del contenuto pubblicato sui social media, perché permette di raggiungere un pubblico ancora più ampio, che potrebbe poi trasformarsi in possibile cliente.

Non vi avremo svelato la formula magica per il video social perfetto – anche se potreste provare con “zucchero, cannella ed ogni cosa bella!” e farci sapere se funziona – ma, di certo, ora saprete quanto possa essere una carta vincente per la vostra azienda una produzione video social media marketing ben studiata e strutturata.

Altri articoli dal Blog di Kortocircuito

Fear Appeal: strategie di psicomarketing negli spot
Fear Appeal: strategie di psicomarketing negli spot
Spot pubblicitari e animali: ecco perché funzionano tanto
Spot pubblicitari e animali: ecco perché funzionano tanto
Quando il non detto dice moltissimo: il non verbale nello spot pubblicitario
Quando il non detto dice moltissimo: il non verbale nello spot pubblicitario